Per migliorare l´esperienza di navigazione e per raccogliere informazioni sul suo utilizzo, questo sito fa uso di cookie.
Proseguendo nella navigazione se ne accetta l´utilizzo.

Composizione del Comando di Mezzogiorno per l'edizione 2015

  • Paolo Orsucci
    Generale
    Paolo Orsucci
    Generale Paolo Orsucci
    La mia passione per il Gioco del Ponte nasce nell'ormai lontano 1982 quando fui reclutato insieme ad altri amici per l'edizione di quell'anno che era la prima in cui riprendevano i combattimenti. Fui folgorato. Il costume da guardia al campo con corazza lo indossai per diversi anni fino a quando sul finire degli anni 80 Vito Ardito mi chiese di fare l'ufficiale addetto. Rimasi nel gruppo fino a che la corazza non cominciò ad andarmi stretta. Il comando mi chiese di fare il Capitano delle guardie al campo con corazza dopodichè maestro di campo e, successivamente, consigliere civile. Nel 2006 fui chiamato, dopo il flop del 2005, nel comitato organizzatore e successivamente nella Fondazione ed al termine di quell'esperienza nel Consiglio degli Anziani come esperto fino al 2011 anno di nomina a Generale.
    chiudi
  • Dario Del Punta
    Consigliere civile
    Dario Del Punta
    Consigliere civile Dario Del Punta
    Ogni ultima domenica del mese di giugno i miei genitori mi portavano sui lungarni e stavamo sulle spallette a vedere il Gioco e ho sempre visto i costumi che sfilavano come se fossimo in un cartone animato, non mi rendevo conto dove fossimo e mio padre molto appassionato delle manifestazioni storiche Pisane mi spiegava tutte le figure che io vedevo passare davanti ai miei occhi. Da adolescente per gioco sfilai con i miei amici come combattente dei dragoni per due anni, poi verso la fine degli anni ’90 mi riavvicinai vestendo i panni della guardia al campo con corazza di Tramontana fino al 2006. Poi ebbi l’onore di fare il cavaliere del luogotenente fino al 2008. Poi stanco e un po’ demotivato decisi di smettere fino a quando, pochi mesi dopo mi avvicinai al Comando di Mezzogiorno per dare una mano e mi proposero di ricostruire un gruppo ex-novo quello delle guardie al Campo senza Corazza, lasciandomi solo 4 elementi all’interno. Non ero convinto del tutto perché ero molto affezionato alla Parte Boreale, ma essendo un amante de gioco e avendo predisposizione a stare in gruppo, mi sono detto “ Ma perché non provare? A me le sfide piacciono” e questa era una bella sfida, perché fino a pochi anni fa era difficilissimo trovare ragazzi disponibili a sfilare per il Gioco. Accettai l’incarico e tra i 4 ragazzi scelsi il mio Ufficiale addetto Andrea Gemignani, non ci conoscevamo ma in lui avevo visto la persona giusta per questo arduo progetto. Infatti ebbi ragione insieme abbiamo portato il gruppo alla pari degli altri restituendogli una dignità. Ho ricoperto la carica di Capitano fino all’edizione 2012, mentre per l’edizione 2013 ho l’onore di rivestire la carica importante di Consigliere Civile di Mezzogiorno. Mai avrei pensato fino a poco tempo fa di avere questa possibilità il tutto grazie ai due Generali che hanno creduto in me, in modo diverso ma lo hanno fatto.
    chiudi
  • Claudia De Cataldo
    Cancelliere Civile
    Claudia De Cataldo
    Cancelliere Civile Claudia De Cataldo
    Sono sempre stata affascinata dalle rievocazioni storiche... quei costumi antichi e il ritmo dei tamburi mi coinvolgevano sin da bambina, facendomi immaginare di farne parte… fino a che non è successo davvero! Nel 2013, grazie ad un amico, ho richiesto di partecipare al gioco e mi sono sentita rispondere che c’era posto solo nel gruppo dei tamburini, ma io non sapevo minimamente suonare, in più sarei stata l’unica donna in mezzo a 19 uomini! Ce la dovevo fare! Ho messo tutta la mia forza di volontà e tutta la mia passione sin dalle prime prove, i ragazzi mi hanno subito fatto sentire una di loro e lo stesso anno ho debuttato nel Gioco del Ponte. L’emozione che ti percorre in ogni singolo istante di quel giorno è unica, ma purtroppo passeggera, ciò che ti resta però sono i legami e l’appartenenza ad un gruppo unito dalla stessa passione, la grande famiglia di Mezzogiorno. Per la voglia di farne sempre più parte, ho aiutato, ad ogni occasione, il Comando e per questo dal 2015 sono stata nominata Cancelliere Civile della parte. Insomma un percorso breve ma intenso!
    chiudi
  • Franco Napodano
    Maestro di campo
    Franco Napodano
    Maestro di campo Franco Napodano
    Mi sono avvicinato al Gioco del 1982, sono stato reclutato dall'ex capitano dei celatini Massimo Capocchi, ho iniziato a sfilare come celatino e successivamente ne sono diventato capitano e con quei due ruoli ho sfilato a Roma, Prato, Firenze, San Marino e al Capodanno Pisano. Ho ricoperto il ruolo di combattente da parata per il San Martino, di Cavaliere al seguito ed ultimamente sono il Capitano degli Alabardieri. Sono orgoglioso di aver potuto portare il nome di Pisa e del gioco in giro per l'Italia e sugli stupendi lungarni di Pisa ed aver avvicinato molte persone a questa manifestazione ed infine aver contribuito alla divulgazione di questa stupenda rievocazione storica.
    chiudi
  • Riccardo Merlini
    Maggiore sergente
    Riccardo Merlini
    Maggiore sergente Riccardo Merlini
    Primavera 1995, Paolo Orsucci ( attuale generale) suona al mio campanello: “Riccardo vieni con me, oggi pomeriggio ci divertiamo!” E’ così iniziata la mia “storia” nel Gioco del Ponte , andammo a Lari, che per l’occasione era vestita a festa in attesa di una dimostrazione del gioco per mezzo del “carrellino”. Salimmo le scale del castello di Lari, entrammo in una delle sue stanze in cui trovammo preparati i costumi che dovevamo indossare di li a poco: giacca di colore giallo/viola, pantalone alla zuava degli stessi colori della giacca, calze viola, scarpe di una forma stranissima agli occhi di un adolescente quale ero ( avevo appena compiuto 15 anni!) ; non era finita, sul lato opposto della stanza i pezzi forti: pettorale, dorsale, collarina e borgognotta! … Ero decisamente tornato indietro di qualche secolo!!! Mancavano, a completare il costume, spada ed alabarda: si trattava del costume delle Guardie al campo con Corazza di Mezzogiorno. Dal 1995 al 2004 non ho più lasciato il gruppo delle guardie, fino ad arrivare al 2005, anno in cui ho ricoperto il ruolo di ufficiale addetto delle GCCC. Nel 2006 sono stato nominato da Vito Ardito, responsabile del Corteo dei Giudici nella funzione di Addetto all’orologio e dal 2007 ad oggi, è con estremo orgoglio che guido il gruppo delle GCCC nel ruolo di Capitano.
    chiudi
  • Roberto Fiaschi
    Capitano dei Celatini
    Roberto Fiaschi
    Capitano dei Celatini Roberto Fiaschi
    Giugno 1982. Parte da qui la prima di una lunga serie d’esperienze come celatino prima, come comandante dopo. Spinto a 14 anni dalla pura curiosità, ignaro della storia del valore di quel costume, ho iniziato un percorso che ancora oggi porto avanti con il cuore pieno di fierezza e orgoglio. Ogni anno mi si pongono le solite domande: “Ma chi te lo fa fare ?”, ”pensa al tempo che perdi alle fatiche delle sfilate al caldo, all’energia che consumi alla ricerca di nuovi e dei vecchi celatini, ma perlomeno ti pagano?” allora rispondo sempre sorridendo che, quando in un impegno ci metti passione, entusiasmo,quando ci metti l anima ogni sacrificio non appare più come tale, ma anzi alla fine di quel ultima domenica di giugno sei pronto a complimentarti con il tuo gruppo e il tuo pensiero è già proiettato verso l’anno successivo. Oggi se sono cosi lo devo a chi prima di me ha filtrato questa passione; Alfredo Tommaselli membro della magistratura dei Leoni ai tempi di Capitan Bulleri. Al mio primo Comandante dei Celatini di Mezzogiorno Massimo Capocchi che ha rappresentato un periodo lungo dieci anni dove sono state gettate delle fondamenta solide per me e gli altri, anni dove non erano risparmiati riconoscimenti come attestati, medaglie, cene di gruppo, piccole gratificazioni importanti per arricchire d’entusiasmo l’animo dei giovani celatini coinvolti come me. Correvano gli anni 1990, come in ogni storia ci sono state figure che ahimè hanno cambiato di ruolo, cosi ché finisce l’era Capocchi e ad intervalli negli anni cambiano i Comandanti come Alberto Angellillo( dal 1990/91) e Franco Napodano( 1992/98). Il 1999 è stato per me anno di forti cambiamenti causati da uno sgretolamento della parte di Mezzogiorno, in questo preciso periodo diventa fondamentale il ruolo del Generale Enrico Macchioni che ha reso possibile la mia ascesa da Celatino a Comandante; è stato il concretizzarsi di un’ambizione messa a tacere forse per il gran senso di responsabilità. Ho iniziato con sette Celatini, ma con costanza e sacrificio ho formato un gruppo di 29 figuranti; il tempo ha fatto si che alcuni di loro rimanessero una costante fissa Luca Scatena e Antonio Baldeschi ne sono un esempio storico,quest’ ultimo ricoprendo negli anni (dal 2005 al 2010 per la precisione!)anche un ruolo di rilievo come la figura del capo schiera (onorato devo dire di avergli proposto visto gli anni di “anzianità” e orgoglioso di aver avuto subito una risposta affermativa da parte sua) altri sono andati, altri sono tornati, alcuni invece sono cambiati e da quel numero smilzo iniziale sono arrivato ha formare un gruppo di 25 figuranti,coivolgendo quella fetta di giovani che come me a suo tempo sono entrati in punta di piedi,ed è proprio tra questi ragazzi che ho ritenuto doveroso affidare meritevolmente un passaggio di testimone, ovvero congedare Antonio Baldeschi, ed aprire una porta a uno studente di allora,oggi laureato Alberto Vangelisti . Adesso mi guardo indietro molto è cambiato e molto dovrà cambiare ma una cosa rimarrà indelebile nella mia mente il ricordo e il ringraziamento a chi, da amico mi ha sostenuto, ed incoraggiato costantemente Massimiliano Zimaretti e Marco di Lupo non più con noi. Giugno 2013 sarà il 15° anno da Comandante , la metamorfosi fisica è evidente dal lontano ‘82 sono diventato un uomo ma l’ entusiasmo è il solito!. Ringrazio chi a reso possibile tutto ciò partendo da tutti i miei Celatini, i Caposchiera, i Tamburini, tutte persone fondamentali per la formazione di una squadra solida com’è stato ed è il mio gruppo e a chi mi ha permesso di avere una storia nel gioco del ponte, agli altri mi rivolgo con l’impegno di poter continuare a trasmettere negli anni quello che non è solo storia del passato, ma anche speranza che rimanga viva questa unica storica manifestazione Pisana.
    chiudi
  • Alberto Vangelisti
    Caposchiera dei Celatini
    Alberto Vangelisti
    Caposchiera dei Celatini Alberto Vangelisti
    Mi sono avvicinato al Gioco Del Ponte nel 2004, quasi per caso, dopo che un amico mi aveva parlato del corteo storico. Sin da quell’anno ho sempre fatto parte del gruppo dei Celatini guidati dal comandante Roberto Fiaschi. Nel 2011 ho avuto l’onore di poter dare un aiuto al gruppo come caposchiera prendendo il posto di Antonio Baldeschi, tutt’oggi una delle colonne portanti dei Celatini. Il Gioco del Ponte mi ha portato a vivere molte belle esperienze come la battagliaccia dei Celatini a Roma nel 2009, oppure la vittoria della parte di Mezzogiorno nel 2011, ma anche qualche brutta delusione ad esempio durante la rissa dei combattenti e il conseguente blocco del gioco nel 2005.Sperando di poter rimanere ancora a lungo a servizio della parte di Mezzogiorno e dei Celatini, un saluto a tutti e Ultra Dimidium!
    chiudi
  • Andrea Gemignani
    Capitano Guardie al Campo Senza Corazza
    Andrea Gemignani
    Capitano Guardie al Campo Senza Corazza Andrea Gemignani
    La mia esperienza nel gioco del ponte è sempre stata nelle guardie al campo senza corazza di Mezzogiorno. Ho iniziato nel 1999, anno del famoso pareggio tre a tre, quattro anni fa mi è stata data l’opportunità di ricoprire la carica di ufficiale addetto delle guardie e infine quest’anno per la prima volta sono stato nominato Capitano.
    chiudi
  • Lorenzo Farmalli
    Ufficiale GCSC
    Lorenzo Farmalli
    Ufficiale GCSC Lorenzo Farmalli
    Entro a far parte del mondo del Gioco del Ponte nel 2009, grazie alla proposta dell’attuale Capitano Andrea Gemignani allora Ufficiale addetto delle guardie al campo senza corazza di Mezzogiorno appena nominato dal Capitano Dario Del Punta, perché avevamo amici in comune che sono entrati insieme a me lo stesso anno. Il gruppo era sempre da formare ma appena sono arrivato alla prima prova presso il campo scuola mi sono sentito subito accolto e l’aria che si respirava era proprio quella della preparazione di una rievocazione storica. Per tutte e quattro le edizioni ho avuto l’onore di sfilare con questo splendido gruppo armato e ho vestito il costume di una delle 33 guardie al campo senza corazza. Ho legato molto con tutti e anche con i miei ufficiali e ho sempre collaborato con loro per cercare di tenere unito il gruppo e per renderlo aperto a tutti, per questo mi hanno soprannominato “Tenente”. Dal 2011 sono responsabile della mascotte NINI creata dal Capitano Del Punta e da altre guardie per raccogliere fondi per beneficenza e per autofinanziare il gruppo. Attualmente sono stato nominato dal neo Capitano Andrea Gemignani, ufficiale addetto delle guardie al campo senza corazza. Per me un grande onore perché sono cresciuto con questo gruppo e sono felice di poter essere uno dei punti di riferimento dei miei compagni.
    chiudi
  • Marco Tabucchi
    Capitano Guardie al Campo Con Corazza
    Marco Tabucchi
    Capitano Guardie al Campo Con Corazza Marco Tabucchi
    Come altri ho iniziato la mia avventura a Tramontana. Era il 2001 e dopo non essere stato ricontattato ho avuto modo di avvicinarmi alle GCCC di Mezzogiorno allora capitanate da Roberto Riccetti. Ho avuto il piacere di trovare un ambiente diverso con persone unite da una grande passione per il Gioco, e dalla voglia di stare insieme. Sentimenti che mi hanno unito sempre più alla parte. Sono da sempre affascinato dai costumi del Gioco e spesso do la mia disponibilità nella preparazione dei luoghi di vestizione, così da poter conoscere meglio i costumi e l'associazione ai vari ruoli. Nel 2010 dopo 9 anni di servizio nelle GCCC ho avuto il piacere di essere l'ufficiale di Riccardo Merlini, e da questa esperienza nel Comando di Mezzogiorno è nata la disponibilità di mettere al servizio le mie capacità tecniche per la realizzazione del sito della Parte. Nel 2014 sono stato nominato Capitano delle GCCC il gruppo che mi ha fatto innamorare del Gioco.
    chiudi
  • Gabriele Mannucci
    Ufficiale GCCC
    Gabriele Mannucci
    Ufficiale GCCC Gabriele Mannucci
    Nato e cresciuto a Pisa, poco più che maggiorenne mi si presenta la possibilità di partecipare alla manifestazione storica per eccellenza della mia città natale, il \"Gioco del Ponte\"... Inizio così nel 2007 a far parte dei figuranti delle Guardie a Campo con Corazza di Mezzogiorno, alla guida di Riccarco Merlini. Il Gioco è bello, l'emozione che sento è sempre più grande, e ogni anno che passa mi appassiono sempre di più a questo giorno speciale, per me e per tutta Pisa...
    chiudi
  • Matteo Corradi
    Capitano Alabardieri
    Matteo Corradi
    Capitano Alabardieri Matteo Corradi
    Mi sono avvicinato al gioco nel 2009 per curiosità, grazie ad un amico che mi ha fatto conoscere l'allora capitano delle Guardie al campo senza corazza Dario Del Punta che mi ha accolto nel suo gruppo. Sin dalla prima esperienza ho capito che avrei voluto sfilare di nuovo perché mi piaceva l'atmosfera che si creava durante le sfilate e durante il gioco, e perché all'interno del corpo delle Guardie al campo senza corazza, grazie al capitano e all'ufficiale Andrea Gemnignani, si viveva un bel clima di complicità e simpatia. Ho sfilato come guardia al campo senza corazza fino al 2013, ma quest'anno il Comando ha deciso di affidarmi l'incarico di Capitano degli Alabardieri che ho accettato con entusiasmo perchè penso di poter creare un gruppo di ragazzi che sfilano sia per passione che per divertimento.
    chiudi
  • Angelo Rossi
    Coordinatore specialisti
    Angelo Rossi
    Coordinatore specialisti Angelo Rossi
    Il gioco del Ponte, un'esperienza che tutti dovrebbero vivere da protagonista. Entrai a far parte dei tamburini nell'edizione 2002, ma non venendo più convocato per le edizioni successive, putroppo non ci fù seguito. Ottobre 2012, la svolta, chiesi nuovamente la possibilità di far parte degli specialisti, fui accettato e da li ho iniziato sempre più a prendere passione per questa splendida manifestazione. Nel 2014 sono diventato collaboratore di Comando aiutando nella preparazione dei vari eventi che si susseguono durante l'anno. Nel 2015 ho ricevuto l'incarico di coordinatore degli specialisti, un ruolo impegnativo che unisce le tre realtà esistenti (Alfieri, Trombettieri, Tamburini) in una sola. Il mio obbiettivo personale è trasmettere la mia stessa passione a chi non sa ancora di averla o semplicemente ce l'ha assopita, perchè Sono la prova vivente, che non contano gli anni di partecipazione al Gioco del Ponte, ma la volontà di fare, in un Comando che valorizza questa cosa.
    chiudi
  • Tiziano Puntoni
    Resp.le Trombettieri
    Tiziano Puntoni
    Resp.le Trombettieri Tiziano Puntoni
    Era il 2008, stavo suonando con la Banda della Filarmonica Pisana in Largo Ciro Menotti, un mio amico trombettista mi fa: \"oh bisogna sonà per il Gioco del Ponte l'urtimo sabato di Giugno...dice farà cardo, dovremo camminare tanto, tutti bardati e suonare camminando....speriamo bene\"....io risposi \"boia da chiodi...ma davvero?! via oh quest'anno è andata poi 'un ci si torna più....\".Da quel Gioco del Ponte, che per me rappresentava uno dei tanti momenti per suonare un po’, è nato tutto... vedere tutti quei ragazzi che si emozionavano per questo gioco che tanti non capiscono (e che io non capivo),che suonavano, urlavano, battevano le picche per incitare loro combattenti, che sfilavano per la loro povera amata Pisa, per il loro Mezzogiorno; tutto questo mi ha acceso un'energia che la televisione non può dare,che da fuori non si vede, che credo, che si senta quando ne sei parte integrante....ebbene si da quell'anno mi sono affezionato al mio gruppo e al mio Mezzogiorno, adesso sono Responsabile, spero di essere all'altezza di tale responsabilità, per sempre Ultra Dimidium!
    chiudi
  • Cirano Renieri
    Resp.le Sbandieratori
    Cirano Renieri
    Resp.le Sbandieratori Cirano Renieri
    Che dire della mia partecipazione al Gioco… ho iniziato quando il Gioco del Ponte era in bianco e nero. La mia prima partecipazione infatti risale all’edizione del 1981, quando venne effettuata solo la sfilata, senza combattimenti; mi ricordo che, tredicenne ma molto piccolo e mingherlino, mi fu letteralmente cucito un vestito da paggio addosso con la spillatrice da ufficio (di quelle con i punti grandi), direttamente nei locali del Comune di Pisa. La mia figura era, come direbbe Vulvia, il “reggitore di moccolo”, nel senso che avevo un moccolo acceso in mano e con quello stavo vicino all’Anziano Rettore… Dall’anno successivo, ho rivestito il ruolo di paggio di squadra per il San Marco, squadra dove mio padre era Magistrato e mio fratello Alfiere Sbandieratore, poi paggio porta fiamma nel corteo dei Giudici (sempre rappresentando il San Marco) e Guardia al Campo senza Corazza. Poi, dopo lungo inseguimento, l’agognato ruolo di Alfiere Sbandieratore! Superando le selezioni (si, allora c’erano le selezioni perché molti volevano entrare e i posti erano sempre sei), quell’anno diventai Alfiere dei Dragoni (Il San Marco era occupato da mio fratello…). L’anno successivo, complice l’esodo del mio sodale nei Leoni, iniziai la carriera da Alfiere per la mia Magistratura, e così per diversi anni. Ma quando mio fratello lasciò il costume di velluto damascato bianco e nero io, che avevo avuto sempre un debole per i Leoni, (chi si ricorda la squadra dei Leoni delle prime edizioni mi capirà),cambiai casacca e passai alla Nobile squadra del Leone rampante. Tantissime edizioni di Gioco con la bandiera più bella del Gioco e poi, per problemi di salute dovetti lasciare la bandiera per “più alti incarichi”. Ho svolto la funzione di Osservatore per la mia Parte e poi per diversi anni ho vestito i panni del Maggiore Sergente, figura di spicco, importante ma…. Per il mio sentire troppo statica. Ed è così che, sono ritornato al mio antico amore: la bandiera, riprendendo dove avevo lasciato qualche anno prima: alfiere sbandieratore con e senza bottoni…. Per quanto riguarda le cariche di responsabilità, sono stato senza quasi soluzione di continuità nel Comando di Mezzogiorno, svolgendo il ruolo di Responsabile degli Alfieri Sbandieratori. E questo è tutto, pur essendo una minima parte di quello che è stato il mio impegno all’interno di questa nostra manifestazione che mi ha dato tanto ed alla quale ho dedicato passione e competenza per quanto ne sono stato capace.
    chiudi
  • Antonio De Tomaso
    Resp.le dei Tamburini
    Antonio De Tomaso
    Resp.le dei Tamburini Antonio De Tomaso
    Ho iniziato la mia vita nel Gioco del Ponte nel 1999 come tamburino degli alabardieri, passando l'anno seguente alle Guardie al Campo senza corazza per poi nell' anno 2001 essere inserito fra i tamburini delle magistrture. Da quell'anno ho indossato quasi tutti i costumi, rendendomi disponibile a qualsiasi manifestazione o celebrazione, da qello dei Leoni a quello del San Martino, a quello del Sant' Antonio facendo parte a diverse benedizioni delle bandiere per poi indossare quello del San Marco, ed essendo nativo di San Giusto, cucirmelo addosso e 'guai chi me lo tocca'
    chiudi
  • Giovanni Battista Garzella
    Resp.le Cavalieri del Generale
    Giovanni Battista Garzella
    Resp.le Cavalieri del Generale Giovanni Battista Garzella
    Ho vissuto la mia adolescenza negli anni 80, quando per me c'erano solo i cartoni animati, le spensierate partite a calcio in piazza San Paolo con i compagni di classe e... il Gioco Del Ponte. Ricordo che ogni volta che finiva la scuola e cominciavano le vacanze, contavo i giorni che mi separavano dall'ultima domenica di Giugno, con le sue bancarelle, la gente accalcata sulle spallette sotto uno splendido sole estivo, la sua sfilata e i suoi ritmi, musicali e non, e i suoi infiniti combattimenti. Perchè in quelli anni il Gioco, da poco ripreso dopo uno stop ventennale, era ritornato in tutto il suo splendore, motivo percui i ragazzi della mia generazione, a differenza degli altri, lo sentono molto di più. Da quando successivamente sono passato "dall'altra parte della transenna", prima come semplice parafreniere di Tramontana, poi come gloriosa GCCC e infine come fiero responsabile dei Cavalieri del Generale (grazie a Riccardo Merlini), la mia passione è ulteriormente aumentata, insieme all'orgoglio di far parte di questa famiglia allargata, la famiglia di Mezzogiorno con cui condividere l'amore per questa splendida manifestazione che ci tiene uniti 365 giorni all'anno.
    chiudi
  • Giovanni Del Bravo
    Resp.le cavalli
    Giovanni Del Bravo
    Resp.le cavalli Giovanni Del Bravo
    Mi sono avvicinato alle manifestazioni storiche di Pisa nel lontano 1981, continuando le tradizioni familiari di mio padre, vecchio cavaliere a cavallo, partecipando alla sfilata del Gioco del Ponte del ’81 partendo dal duomo e attraversando le vie della città. Alla ripresa del Gioco, eravamo nel 1982, feci domanda per partecipare nel ruolo di Cavaliere a cavallo naturalmente nella Parte di Mezzogiorno, allora la sede del Comando era presso palazzo Tizzoni in via San Martino vicino all’ACI. A quell’epoca l’entusiasmo era tanto e le domande di partecipazione erano numerose, per cui fu deciso di fare una selezione presso il maneggio di Viareggio del compianto maestro Antichi. Superata la selezione entrai a far parte del gruppo dei Cavalieri a cavallo di Mezzogiorno, allora il Generale era il dott. Cilotti. Ho mantenuto questo ruolo per tanti anni, nel frattempo il coordinatore dell’equitazione l’amico Vinicio Nuti mi volle come aiuto e mi dette l’incarico dei palafrenieri. In seguito fui nominato responsabile dei Cavalieri a cavallo per la Parte di Mezzogiorno, incarico riconfermato anche quest’anno.
    chiudi
  • Alessia Bellatalla
    Resp.le dei Paggi
    Alessia Bellatalla
    Resp.le dei Paggi Alessia Bellatalla
    Sin da bambina ho guardato con ammirazione la sfilata del gioco del ponte. Ho iniziato nel 2006 facendo il porta bandierone nel corteo dei giudici per diversi anni. Poi ho ricoperto vari ruoli, dal paggio porta fiamma dei dragoni e delfini a paggio di squadra dei dragoni. Dal 2011 ho ricoperto il ruolo di co-responsabile dei paggi di Mezzogiorno e ho indossato il costume di paggio del Generale. Con grande piacere il Generale Orsucci mi ha nominato quest’anno Responsabile unica dei Paggi, sono molto contenta e emozionata per questa avventura.
    chiudi
  • Marco Gemignani
    Resp.le Corteo dei giudici
    Marco Gemignani
    Resp.le Corteo dei giudici Marco Gemignani
    Marco Gemignani, anno 1951, veterano del gioco, partecipato a tutte le edizioni, compresa quella propedeutica del 1981 (combattente di San Martino), poi Alfiere Porta Insegna,  Guardia al Campo con Corazza, 6 volte Picchiere,16 volte Ufficiale dei Picchieri, 5 volte Capitano dei Picchieri, e nel 2012 Cavaliere del Luogotenente. Inoltre nelle manifestazioni collaterali ho interpretato anche la figura di Magistrato e Cavaliere Alfiere.
    chiudi
  • Leonardo Miraglia
    Ufficiale del Picchetto di Piazza
    Leonardo Miraglia
    Ufficiale del Picchetto di Piazza Leonardo Miraglia
    Ho iniziato grazie a Paolo Orsucci che mi ha proposto di fare la Guardia al Campo con Corazza, dove lui ricopriva il ruolo di Ufficiale addetto. Sono stato una guardia finché Paolo ne è stato il Capitano e poi, sempre grazie a lui, sono entrato a far parte del Comando di Mezzogiorno. Ho inizialmente, ricoperto il ruolo di Responsabile dei Cavalieri del Luogotenente e poi dal 2007 sono l'Ufficiale del Picchetto di Piazza. La mia esperienza è praticamente ventennale e ho partecipato sempre da quando ho iniziato tranne che per il 1999 che è l'anno in cui mi sono sposato e ciò è avvenuto proprio il giorno del Gioco. Mi sono avvicinato alla manifestazione storica grazie a Paolo Orsucci e la mia partecipazione costante è legata al mio amore per le tradizioni ed in particolare per quelle della mia città. Dall'anno scorso sto cercando di costruire un gruppo stabile per il Picchetto di piazza e sono su una buona strada.
    chiudi
  • Valeria Tognotti
    Resp.le eventi culturali
    Valeria Tognotti
    Resp.le eventi culturali Valeria Tognotti
    Quando ho iniziato la mia avventura nel Gioco del Ponte non avrei mai immaginato il bagno di emozioni che mi avrebbe travolto e la grande passione che da circa cinque anni mi anima. Ho iniziato il mio percorso quasi per caso, sono stata contattata in quanto scrittrice per bambini nel 2011, quando facevo parte della redazione di una rivista dedicata ai più piccoli. Il primo progetto che mi ha coinvolta è stata una pubblicazione intitolata “Colora il Gioco del Ponte”, una testimonianza artistica e descrittiva dei laboratori didattici fatti con le scuole in collaborazione con la Magistratura dei Dragoni. In seguito è nata l'idea di raccontare il Gioco con un linguaggio semplice e adatto ai più piccoli, visto che esistevano soltanto testi accademici e piuttosto impegnativi. Per questo è nato “Il Gioco del Ponte raccontato ai ragazzi”edito da Felici editore nel 2012 che ha valso alla Magistratura un Morione d'Onore. Ho scritto questo libro come un racconto avventuroso, narrando le vicende del popolo pisano come fosse l’eroe di un romanzo e allo stesso tempo inserendo nozioni di storia e tecnica di Gioco. Successivamente grazie all'Associazione Amici del Gioco del Ponte e al Professor Alberto Zampieri ho pubblicato “Il Gioco del Ponte in rima” per raccontare in strofe a rima baciata l'evoluzione della gloriosa battaglia. Nel 2013 ho realizzato insieme a tre fotografi (De Neri, Fracassi, Tognetti), un album di figurine intitolato “Figuriamoci Pisa!” vincitore del Morione d'Onore. Oltre 400 scatti per raccontare Pisa e le sue Manifestazioni storiche attraverso i volti dei protagonisti e i monumenti più significativi. Attualmente collaboro con il Comune di Pisa e il Comando di Mezzogiorno per la divulgazione della cultura del Gioco nelle scuole e nei quartieri.
    chiudi
  • Antonio Tranchino
    Magistrato S. Antonio
    Antonio Tranchino
    Magistrato S. Antonio Antonio Tranchino
    chiudi
  • Gabriele Puccini
    Magistrato S. Martino
    Gabriele Puccini
    Magistrato S. Martino Gabriele Puccini
    chiudi
  • Massimo Cioli
    Magistrato S. Marco
    Massimo Cioli
    Magistrato S. Marco Massimo Cioli
    chiudi
  • Domenico Grassi
    Magistrato Leoni
    Domenico Grassi
    Magistrato Leoni Domenico Grassi
    chiudi
  • Eugenio Ricci
    Magistrato Dragoni
    Eugenio Ricci
    Magistrato Dragoni Eugenio Ricci
    chiudi
  • Alberto Di Lupo
    Magistrato Delfini
    Alberto Di Lupo
    Magistrato Delfini Alberto Di Lupo
    chiudi
  • Francesco Bizzarri
    Luogotenente
    Francesco Bizzarri
    Luogotenente Francesco Bizzarri
    chiudi
  • Alessandro Franceschini
    Consigliere Militare
    Alessandro Franceschini
    Consigliere Militare Alessandro Franceschini
    chiudi
  • Franco Ceccanti
    Capitano S. Antonio
    Franco Ceccanti
    Capitano S. Antonio Franco Ceccanti
    chiudi
  • Davide Rossi
    Capitano S. Martino
    Davide Rossi
    Capitano S. Martino Davide Rossi
    chiudi
  • Cristiano Scarpellini
    Capitano S. Marco
    Cristiano Scarpellini
    Capitano S. Marco Cristiano Scarpellini
    chiudi
  • Nico Pall
    Capitano Leoni
    Nico Pall
    Capitano Leoni Nico Pall
    chiudi
  • Paolo Vaghetti
    Capitano Dragoni
    Paolo Vaghetti
    Capitano Dragoni Paolo Vaghetti
    chiudi
  • Marco Falugi
    Capitano Delfini
    Marco Falugi
    Capitano Delfini Marco Falugi
    chiudi

Il territorio della Parte di Mezzogiorno

Tutto il territorio comunale a sud dell'Arno compresi Riglione, Oratoio, Coltano, Marina di Pisa, Tirrenia, calambrone; quindi fino al confine con la provincia di Livorno, con il comune di Cascina.

Elenco dei Generali di Mezzogiorno dall'1982 

  • 1982 Piero Cilotti 
  • 1982-1985 Enzo Matteoni 
  • 1986-1991 Giuliano Pizzanelli 
  • 1992 Mario Bonadio 
  • 1992-1994 Mauro Da Prato
  • 1995 Sergio Paradossi
  • 1996-1998 Francesco Bizzarri
  • 1998Paolo Gianfaldoni, commissario ad acta
  • 1999-2002 Enrico Macchioni
  • 2003 Alberto Zampieri
  • 2004-06 A. Zampieri Commissario con Vito Ardito f.f.
  • 2007-2010 Vito Ardito
  • 2011-2014 Paolo Orsucci

Premio Austro 2015

Premio Austro 2015

Torna anche questo anno il premio Austro!

Anche quest'anno potrai vivere in prima persona la sfilata partecipando al concorso per il miglior figurante e miglior combattente.

Partecipare è semplice fotografa il tuo combattente e/o il figurante preferito (mi raccomando che...

Rassegna Stampa 18 05 2015

Rassegna Stampa 18 05 2015

La Nazione Pisa grazie all'articolo di Iacopo Catarsi, parla della cerimodia della benedizione delle bandiere della Parte di Mezzogiorno.

La cerimonia si è svolta domenica 17 Maggio 2015

(image)

Mezzogiorno a lezione di turismo

Mezzogiorno a lezione di turismo

Al numero 155 di via Santa Maria si formano le guide turistiche. Specialisti in grado di condurre il turismo internazionale a spasso per la meravigliosa città di Pisa. Soffermandosi non solo nella popolare  piazza dei Miracoli, ma soprattutto lungo quei percorsi inesplorati e di...